La tariffa dell'acqua è stabilita dalla regolazione vigente, attualmente attraverso il Metodo Tariffario Idrico 2016-2019 (MTI-2) approvato con la deliberazione 664/2015/R/idr.

In questo modo l’Autorità mira a incentivare investimenti sempre maggiori nel settore, con l’obiettivo di garantire la sostenibilità dei corrispettivi applicati all’utenza, favorire il miglioramento della qualità dei servizi, la razionalizzazione delle gestioni, riconoscendo in modo efficiente i costi per gli investimenti sostenuti.

Regolazione

Con la delibera 664/2015/R/idr, giunta al termine di un’ampia consultazione con tutti i soggetti interessati, l’Autorità per il secondo periodo regolatorio del sistema idrico integrato (SII) di durata quadriennale, intende continuare l’avviato percorso di sviluppo del settore attraverso una regolazione stabile e certa, elevando gli standard del servizio e la sostenibilità sociale e ambientale della fornitura, nel rispetto dell’economicità, efficienza ed equilibrio economico finanziario nelle gestioni.

Nel segno della continuità, il ‘Metodo Tariffario Idrico 2’ poggia sui due principi guida del precedente metodo valido per il 2014-2015, con particolare riferimento alla selettività e alla responsabilizzazione, da attuare attraverso una regolazione asimmetrica, capace di adattarsi alle diverse esigenze di un settore molto differenziato a livello locale e nella governance.

La regolazione tariffaria applicabile nel secondo periodo regolatorio è riconducibile quindi ad una matrice di schemi regolatori (rispetto al precedente metodo tariffario, si amplia la gamma dei diversi tipi di schemi tariffari, sei e non più quattro) nell’ambito della quale ciascun soggetto competente potrà individuare la soluzione più efficace in base alle proprie realtà.

Per approfondire consultare il sito arera.it.

Fatture e pagamenti

Emettiamo un numero minimo di fatture all’anno differenziato in funzione dei consumi medi annui relativi agli ultimi dati disponibili

  • 2 bollette all’anno, con cadenza semestrale, per consumi medi annui fino a 100 mc;
  • 3 bollette all’anno, con cadenza quadrimestrale, per consumi medi annui da 101 fino a 1000 mc;
  • 4 bollette all’anno, con cadenza trimestrale, per consumi medi annui da 1001 mc a 3000 mc;
  • 6 bollette all’anno, con cadenza bimestrale, per consumi medi superiori a 3000 mc.

 

È possibile effettuare il pagamento:

  • presso gli uffici postali attraverso il bollettino allegato alla fattura o con bollettino postale in bianco, da intestare a Italgas Acqua S.p.A. c/c n. 56762016, indicando come causale il codice utente e il periodo o le fatture di riferimento;
  • a mezzo bonifico bancario, intestato a Italgas Acqua S.p.A., indicando come causale il codice utente e il periodo o le fatture di riferimento, sul codice IBAN IT 98 T 03069 03490 100000000098 (Intesa Sanpaolo);
  • a mezzo bonifico postale, intestato a Italgas Acqua S.p.A., indicando come causale il codice utente e il periodo o le fatture di riferimento, sul codice IBAN IT 14 M 07601 03400 000056762016 (Poste Italiane);

 

Richiediamo il pagamento della bolletta secondo le modalità e i termini riportati in bolletta: in caso di pagamento effettuato oltre i termini, verrà richiesto il pagamento di una penale per il ritardo. L'inadempimento nel pagamento della bolletta trascorsi quindici giorni dalla data di scadenza può comportare la limitazione, la sospensione o la disattivazione della fornitura dell'acqua.

In fattura vengono fornite informazioni sulle modalità di fatturazione e di pagamento delle fatture stesse, sulle tariffe applicate, sui servizi erogati dagli sportelli e, in allegato alla bolletta, vengono altresì fornite tutte le informazioni e i documenti la cui trasmissione all’utente finale è obbligatoria.

ultimo aggiornamento Thu Nov 29 09:20:48 UTC 2018