La potabilità dell’acqua in Italia è stata definita con il Decreto Legislativo n. 31 del 2001 e i controlli relativi sono affidati alle Autorità Sanitarie Locali.

 

Noi, per assicurarci che l'acqua distribuita sia sempre conforme ai requisiti previsti dalla legge, eseguiamo sistematici controlli analitici dei parametri microbiologici (coliformi totali, streptococchi fecali, ecc.), chimico-fisici (calcio, solfati, cloruri, ecc.) e organolettici (sapore, odore, colore, ecc.).

Le verifiche vengono effettuate nei punti più significativi della rete di distribuzione e affidate a strutture esterne specializzate.

Sulla base dei risultati delle analisi, vengono avviati o aggiornati dei piani di intervento volti ad assicurare che le caratteristiche dell'acqua erogata siano sempre conformi ai parametri di legge.

 

Parametri di monitoraggio

  • Colore
  • Odore
  • Sapore
  • Cloro Residuo, espresso in mg/l di CL2
  • Conduttività, ovvero conducibilità elettrica, espressa in µS/cm a 20°C
  • ph, ovvero concentrazione di ioni idrogeno
  • Ferro, espresso in µg/l
  • Manganese, espresso in µg/l
  • Nitriti (NO2), espressi in mg/l
  • Ammonio, espresso in mg/l
  • Alluminio, espresso in µg/l
  • Conta batteri coliformi a 37°C, espresso in u.f.c./100 ml
  • Conta Escherichia Coli, espresso in u.f.c./100 ml
  • Clostridium Perfrigens, espresso in u.f.c./100 ml

 

Certificati di qualità dell'acqua

ultimo aggiornamento Tue Oct 30 09:46:56 UTC 2018